Vi suggerisco
da leggere
La croce e il dolore. Simbolo che non offende
Claudio Magris
7 novembre 2009
Le mieidee


Bisogna camminare guardando avanti. Mai indietro. Soprattutto, mai da soli. Perché i cambiamenti non sono un luogo della nostalgia, né il frutto di percorsi solitari. Ma sono il risultato di sogno diventato progetto condiviso. Da costruire assieme.
Quella porta aperta tra i muri di Gerusalemme
1 gennaio 2017

La domanda vera ("come mai la scelta della clausura in un monastero a Gerusalemme?") alla fine rimane tra le cose non dette. Anche perché non serve più, al termine di una chiacchierata durata oltre un'ora, nata per caso e che si conclude con il francescano "pace e bene" che è anche augurio di Natale e soprattutto viatico per l'anno nuovo.

"Il nostro monastero è specchio di Gerusalemme", spiega suor Mariachiara Bosco, trentina di Rovereto, che otto anni fa ha lasciato Borgo Valsugana - sua prima sede di clausura - per trasferirsi, appunto, in Terra Santa. E in questa definizione, a ben guardare, c'è tutto. C'è la scelta del silenzio e della preghiera; c'è il fare comunità tra ...

Continua
Archivio note

Archivio
Seguimi su facebook

Giorgio Lunelli

Twitt@ndo


Cerca nel sito
Cerca nelle pagine
Chi sono

Giornalista, appassionato di politica, Giorgio Lunelli è nato il 23 marzo 1959, vive a Cognola, sobborgo di Trento, è sposato e ha quattro figli. Ha pubblicato cinque raccolte di "Note di viaggio", ostinandosi a cercare un filo conduttore tra il "non più" è il "non ancora".