Twitt@ndo


Le mieidee


Bisogna camminare guardando avanti. Mai indietro. Soprattutto, mai da soli. Perché i cambiamenti non sono un luogo della nostalgia, né il frutto di percorsi solitari. Ma sono il risultato di sogno diventato progetto condiviso. Da costruire assieme.
L'Italia di Silvio e quella di Renzi
25 ottobre 2014

Nel gioco delle ricorrenze, il riferimento può apparire abbastanza scontato. Vent'anni dopo, siamo precipitati nel 1994, con le incertezze, i guai, i dilemmi di allora. E, come allora, con la necessità di voltare pagina, di ripartire, di riaccendere i motori.

A cinque anni dalla notte di Berlino, nel 1994, la politica fece i conti con il cambiamento di un'epoca. Il crollo del Muro non aveva cambiato lo scenario solo da una parte: tutto era cambiato anche dall'altra. I cittadini chiedevano un cambiamento di passo, i vecchi partiti che avevano rappresentato l'ossatura di un sistema proporzionale paradossalmente stabile (grazie alle circostanze esterne, che impedivano ogni ...

Continua
Archivio note

Archivio
Seguimi su facebook

Giorgio Lunelli

La paura che paralizza famiglie ed imprese
Corriere della Sera
Giuseppe De Rita
18 dicembre 2014
Benigni. Se il pubblico riscopre in tv i Comandamenti
La Stampa
Enzo Bianchi
17 dicembre 2014
Autonomia provvisoria? No, è un'Autonomia da rinnovare
Trentino
Vittorio Fravezzi
16 dicembre 2014
Cerca nel sito
Cerca nelle pagine
Chi sono

Giornalista, appassionato di politica, Giorgio Lunelli è nato il 23 marzo 1959, vive a Cognola, sobborgo di Trento, è sposato e ha quattro figli. Ha pubblicato cinque raccolte di "Note di viaggio", ostinandosi a cercare un filo conduttore tra il "non più" è il "non ancora".